Strutture anatomiche dell’occhio: la pupilla

È l’apertura posta al centro dell’iride che permette l’entrata della luce nel bulbo oculare. Il suo diametro varia in base all’intensità della luce. La dilatazione al buio per captare il maggior numero di stimoli numerosi (midriasi) e il restringimento in presenza di luminosità elevata (miosi) della pupilla si devono ad un sistema di muscoli, attivati dal sistema neurovegetativo. La dimensione della pupilla è controllata dall'iride che modula la quantità di luce che entra nell'occhio.

Dal punto di vista fisiologico, il foro pupillare si allarga transitoriamente per l'adattamento dell'occhio all'oscurità. Questa reazione può seguire anche un'intensa emozione, come l'ansia, l'eccitazione o la paura.