Qualita’ della vita peggiore a causa degli effetti collaterali delle cureQualita’ della vita peggiore a causa degli effetti collaterali delle cure


Preservare la vista tramite i trattamenti farmacologici, associati alle nuove strategie dineuroprotezione, è il fulcro del mantenimento di una buona QoL dei pazienti e il clinicodovrebbe tenere conto di questo obiettivo.

Per molti anni si è creduto che il glaucoma impattasse sulla QoL solo al superamento di una soglia di compromissione della vista. Tuttavia, la somministrazione di un questionario dedicato e validato, il GQL-15 ha ribaltato questo assunto mostrando che il peggioramento della QoL è graduale ma significativo sin dalle prime fasi. I risultati di una ricerca diUgurlu et al. presentati in occasione del World Glaucoma Congress del 2009(8,9), hannoevidenziato aspetti molto interessanti anche per la gestione delle cure. Dopo aver diviso i pazienti in gruppi con danno ‘lieve’, ‘moderato’ e ‘severo’ (sulla base della classificazione del campo visivo Hodapp) sono stati calcolati i punteggi relativi al test sulla QoL e sono stati confrontati con quelli del gruppo di controllo. 

Ipunteggi sono risultati di 77.1 ± 10.46 per il gruppo ‘lieve’, di 55.6 ± 9 per il ‘medio’ e di 38.9 ± 9.6 per quelli con danno ‘severo’, contro il 93.1 ± 4.8 del gruppo di controllo. Nelle attività quotidiane la visione periferica è risultata la più gravemente colpita e dai dati emerge che la progressione del danno delle cellule ganglionari della retina è direttamente proporzionale al crollo della QoL che ad un certo punto peggiora drasticamente.

(8) https://www.medscape.org/viewarticle/706776(9) Ugurlu S, Unal M, Mermut I. Quality of life in glaucoma patients. Program and abstracts of the World Glaucoma Congress2009; July 8-11, 2009; Boston, Massachusetts. Abstract P024.