Il cheratocono

E’ una forma degenerativa non infiammatoria che colpisce la cornea, solitamente a partire dalla pubertà. In genere riguarda entrambi gli occhi, anche se spesso in modo asimmetrico.

Le cause

La parte centrale della cornea comincia progressivamente ad assottigliarsi e a incurvarsi verso l’esterno. La cornea assume così una curvatura anomala (tendente al conico) che causa distorsioni delle immagini, diminuzione della vista e una visione confusa soprattutto da lontano. Dal punto di vista refrattivo, ciò si traduce in un deficit visivo per comparsa di astigmatismo. L’andamento della malattia è progressivo, solitamente discontinuo, e spesso porta le persone verso l’intervento chirurgico. In Italia e in Europa il cheratocono è il primo responsabile del trapianto di cornea. 

Le cure

Nelle prime fasi è possibile ottenere una buona correzione del difetto refrattivo indotto dal cheratocono con semplici occhiali, in un secondo momento è necessario ricorrere all’uso di lenti corneali a contatto per cheratocono per correggere l’astigmatismo irregolare corneale e ottenere un miglioramento dell’acuità visiva. Quando la correzione con occhiali o lenti a contatto non è possibile, a causa dell’elevata irregolarità dell’astigmatismo o della intolleranza a essi, è necessario ricorrere alla chirurgia.