Glaucoma: liberi da colliri per oltre 4 mesi

di Redazione

É tra le prime cause al mondo di cecità (oltre 600mila italiani colpiti), per questo la ricerca e la tecnologia sono da molti anni impegnate sul fronte glaucoma.
Per chi è affetto da glaucoma, il cosiddetto ladro silenzioso della vista, é in arrivo un terapia alternativa per chi, sino a oggi, si è curato con i tradizionali colliri. Si tratta di un nuovo impianto biodegradabile da inserire nell’occhio, che rilascia in modo graduale nel tempo il principio attivo già contenuto nei colliri e si è rivelato capace di ridurre la pressione intraoculare per almeno quattro mesi.
La soluzione alla somministrazione quotidiana e spesso purtroppo mal seguita dai pazienti affetti da glaucoma (circa l’80% dei pazienti), sembra essere ormai a portata di mano, come confermato anche dal direttore del Centro nazionale di alta tecnologia in oftalmologia dell’Università G. d’Annunzio di Chieti, «Il potenziale dell’impianto è quello di rappresentare la prima opzione a rilascio prolungato di una terapia senza somministrazione di colliri per pazienti affetti da glaucoma».

L’impianto di ultima generazione non é ancora disponibile, ma le previsioni sono di un’immissione nel mercato farmaceutico-biomedicali entro qualche anno. La registrazione all’FDA, infatti, dovrebbe essere pronta per la seconda metà del 2019.

Per ora é possibile seguire con fiducia l’avanzamento della sperimentazione su una selezione di 594 soggetti affetti da glaucoma ad angolo aperto - il più diffuso - o ipertensione oculare. Lo studio ha portato a una riduzione effettiva del 30% della pressione intraoculare dopo 12 settimane dall’impianto.
I risultati e l’efficacia della sperimentazione sono incoraggianti, tanto da poter essere confrontati con quelli osservati durante la somministrazione della tradizionale terapia topica con collirio.

Per ora é possibile seguire con fiducia l’avanzamento della sperimentazione su una selezione di 594 soggetti affetti da glaucoma ad angolo aperto - il più diffuso - o ipertensione oculare. Lo studio ha portato a una riduzione effettiva del 30% della pressione intraoculare dopo 12 settimane dall’impianto.

I risultati e l’efficacia della sperimentazione sono incoraggianti, tanto da poter essere confrontati con quelli osservati durante la somministrazione della tradizionale terapia topica con collirio.

Nutraceutici e salute degli occhi


Nutraceutici e salute degli occhi
Nutraceutici e salute degli occhi
Sindrome dell’occhio secco: al via il primo studio sui giocatori di pallanuoto
Sindrome dell'occhio secco: al via il primo studio sui giocatori di pallanuoto
Sindrome occhio secco: che cosa è e come si diagnostica
Sindrome occhio secco: che cosa è e come si diagnostica
Cinque domande sulla sindrome dell occhio secco
Cinque domande sulla sindrome dell occhio secco
Glaucoma, un aiuto dalla neuroprotezione
Glaucoma, un aiuto dalla neuroprotezione
Glaucoma, controlli regolari a partire dai 40 anni
Glaucoma, controlli regolari a partire dai 40 anni

Driving with Vision Disorders
Driving with Vision Disorders
 
Leggi anche

La Salute degli occhi

Leggi anche

Studi e Ricerche

Leggi anche